Logo Lex e Business con testo
TESTA LA TUA GESTIONE
immagine introduttiva dell articolo riguardante Contratto di apprendistato | Come Funziona e Quali Sono i Benefici

Contratto di apprendistato | Come Funziona e Quali Sono i Benefici

31/01/2023
Redazione

Contratto di apprendistato: come funziona

Per entrare nel mondo del lavoro ci sono forme di contratto stabilite dal ministero del lavoro che salvaguardano sia il lavoratore, per quanto riguarda i propri diritti, sia il datore di lavoro che è così sicuro di essere supportato da un contratto disciplinato e regolamentato. Vediamo qui nel dettaglio il contratto di apprendistato: come funziona e come si inquadra nell’universo giuslavorista.

Il contratto di apprendistato è stato disciplinato dal Decreto Legislativo n.81 del 15 giugno 2015 e successive modifiche (articoli 41-47), che fa parte della riforma del lavoro conosciuta come Jobs Act. È un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato finalizzato all’assunzione, ma anche alla formazione dei giovani e, proprio per questo, ricopre un notevole interesse nel panorama del mondo del lavoro.

Caratteristiche del contratto di apprendistato

Le assunzioni con questa tipologia di inquadramento sono aumentate negli ultimi anni, segno dell’interesse sempre crescente verso questa importante soluzione, che offre vantaggi sia per l’azienda che per il lavoratore.

Il contratto di apprendistato favorisce l’inserimento nel mondo del lavoro dei giovani, o di particolari classi di lavoratori. Si tratta di un accordo stipulato tra un'azienda e un giovane apprendista con lo scopo di fornirgli una formazione professionale, finalizzata all’assunzione. In pratica, l'apprendista lavora per l'azienda e, contemporaneamente, segue un percorso formativo per acquisire le competenze necessarie per svolgere un determinato mestiere. Il contratto di apprendistato è un'ottima opportunità per i giovani di entrare nel mondo del lavoro e per le aziende di formare i propri dipendenti del futuro.

Come funziona il contratto d’apprendistato

L'apprendistato è una formula di assunzione e di formazione professionale che permette ai giovani di acquisire competenze e conoscenze pratiche mentre lavorano all'interno di un'azienda. Ne esistono tre diverse tipologie.

Contratto di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale

Si tratta di un percorso formativo mirato a conseguire una qualifica o un diploma professionale, rilasciato dalle Regioni o dalle Province Autonome di Trento e Bolzano.

Questo tipo di apprendistato è rivolto a giovani tra i 15 e i 25 anni che non hanno ancora concluso, dunque, il periodo di diritto a istruzione-formazione, e che vogliono acquisire competenze nell'ambito della produzione industriale, dei servizi, dell'artigianato e dell'agricoltura.

Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere

Il secondo tipo di apprendistato è quello professionalizzante, definito anche contratto di mestiere. È un percorso formativo rivolto a giovani tra i 18 e i 29 anni che vogliono apprendere un mestiere o una professione attraverso la pratica.

L'obiettivo è quello di acquisire competenze tecniche, relazionali e organizzative per lavorare in un determinato settore. Questo tipo di apprendistato può essere stipulato sia in aziende private che in enti pubblici e, nel contratto, dovranno obbligatoriamente essere indicati la qualifica e il profilo formativo previsti alla fine del percorso professionalizzante.

NOTA: Dal 1° gennaio 2022 sono stati variati i limiti di età dei contratti di apprendistato. È infatti possibile assumere i lavoratori beneficiari di trattamento straordinario di integrazione salariale, di indennità di mobilità o di disoccupazione, senza limiti di età, tramite un contratto di apprendistato professionalizzante. Questo è stato voluto per favorire la qualificazione e la riqualificazione professionale.

Contratto di apprendistato di alta formazione e ricerca

Si tratta di un percorso formativo rivolto a giovani tra i 18 e i 29 anni che vogliono acquisire competenze avanzate in un determinato settore o che vogliono intraprendere una carriera nei settori di ricerca delle aziende.

Questo tipo di apprendistato prevede, infatti, la partecipazione a progetti di ricerca e sviluppo e la possibilità di seguire corsi di formazione specifici, con il fine di conseguire un titolo, come il diploma di istruzione secondaria, la laurea, un dottorato di ricerca, un master o il praticantato per l’accesso ad un ordine professionale.

Vantaggi dell’apprendistato per le aziende e per i lavoratori

Il contratto di apprendistato è un accordo, in generale, vantaggioso sia per le aziende che per gli apprendisti.

Per il datore di lavoro, rappresenta un'occasione per formare i propri futuri dipendenti. L'apprendista, infatti, lavora all'interno dell'azienda e contemporaneamente segue un percorso formativo per acquisire le competenze richieste dalla mansione. In questo modo, l'azienda può contare su un dipendente preparato e motivato, che conosce già i processi aziendali e che può essere subito operativo.

Da sottolineare gli importanti benefici fiscali e contributivi: il lavoratore può essere inquadrato fino a due livelli inferiori rispetto a quanto indicato dal CCNL, o può essere stabilita una retribuzione in misura percentuale, che sia comunque proporzionata all’anzianità di servizio.

Anche nel momento in cui il contratto di apprendistato si trasformi in lavoro subordinato ordinario, il datore di lavoro ha diritto a un trattamento agevolato a livello contributivo, fino all’anno successivo.

Una particolare forma di agevolazione prevede che, per i contratti di apprendistato di primo livello per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore, stipulati nell’anno 2022, i datori di lavoro possano beneficiare di uno sgravio contributivo del 100% relativo alla contribuzione maturata nei primi 3 anni di apprendistato. Questo contributo è valido a patto che l'azienda abbia meno di 9 dipendenti.

Benefici per l’apprendista

Per gli apprendisti, invece, il contratto di apprendistato rappresenta un'occasione per entrare nel mondo del lavoro e acquisire competenze pratiche e teoriche. L'apprendista ha la possibilità di lavorare in un'azienda e di seguire un percorso di formazione professionale specifico per imparare un mestiere o una professione. Può così sviluppare le proprie capacità e acquisire competenze utili per il proprio futuro professionale. Il lavoratore è tutelato, ha diritto a una retribuzione, anche se inferiore a quella di un lavoratore con pari mansioni, e alla copertura previdenziale.

Il contratto di apprendistato permette di creare una relazione win-win, in cui entrambe le parti traggono beneficio dalla collaborazione. Si rivela così una soluzione efficace per contrastare il problema del lavoro precario e per favorire l'inserimento dei giovani nel mondo del lavoro. Gli apprendisti, infatti, hanno maggiori possibilità di trovare un impiego stabile e di continuare la loro carriera all'interno dell'azienda in cui hanno svolto la formazione professionale. Lex e Business si offre di dare supporto alle piccole medie imprese che cercano servizi di organizzazione aziendale e ottimizzazione delle risorse per una crescita proficua e consapevole.

menu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram