Logo Lex e Business con testo
TESTA LA TUA GESTIONE
immagine introduttiva dell articolo riguardante Rottamazione Quater, nuovo calendario e proroghe

Rottamazione Quater, nuovo calendario e proroghe

20/05/2023
Redazione

Rottamazione Quater, nuovo calendario e proroghe

Il decreto-legge n. 51/2023 ha stabilito la proroga della rottamazione quater e ha rivoluzionato tutto il calendario delle scadenze che erano state fissate in precedenza dalla Legge di Bilancio.

Riassumiamo qui le novità, che possono essere divise in tre parti:

  • la presentazione della richiesta di adesione da parte dei contribuenti slitta al 30 giugno 2023 anziché al 30 aprile 2023 come era stabilito dalla Legge di Bilancio;
  • il termine ultimo per inviare la risposta al contribuente da parte dell’Agenzia delle Entrate è prorogato al 30 settembre 2023, invece che al 30 giugno 2023;
  • la prima (o unica) rata per sistemare la propria posizione dovrà essere pagata entro il 31 ottobre 2023 e non più al 31 luglio 2023.

Confermate invece le scadenze delle rate successive al 30 novembre 2023.

Chi deciderà di aderire alla rottamazione quater potrà godere di importanti vantaggi: pagherà solo la quota capitale dei debiti iscritti al ruolo, senza dover corrispondere le somme dovute a titolo di interessi, sanzioni e aggio di riscossione.

L’Agenzia dell’Entrate ha inoltre aggiornato le FAQ in merito alle novità introdotte dalla proroga rottamazione quater.

 

Rottamazione Quater, A Chi Si Rivolge

La Legge di Bilancio 2023 ha inserito la possibilità di accedere alla rottamazione quater per quanto riguarda la cosiddetta tregua fiscale. Questa sanatoria permette la definizione agevolata dei debiti affidati all’Agenzia delle Entrate dal 1° gennaio 2000 al 30 giugno 2022.

Il Consiglio dei ministri n. 33 del 04.05.2023 ha approvato il decreto-legge n. 51/2023, pubblicato nella Gazzetta ufficiale del 10 maggio 2023, che introduce importanti proroghe in relazione alla rottamazione quater. Specifica quali sono i debiti che possono essere rottamati e vengono aggiornate le domande frequenti (FAQ).

Il decreto-legge n. 51/2023 stabilisce che chi aderirà alla rottamazione quater dovrà pagare solo le somme dovute a titolo di capitale e quelle maturate a titolo di rimborso spese, per le eventuali procedure esecutive e per i diritti di notifica. Non saranno da corrispondere le somme dovute a titolo di interessi, sanzioni e aggio di riscossione.

Quali Debiti Si Possono Rottamare

Come indicato nella riposta n. 2 nelle FAQ dell’Agenzia dell’Entrate, i debiti che rientrano nella misura della rottamazione quarter sono quelli con le seguenti caratteristiche:

 

  • contenuti in cartelle non ancora notificate;
  • interessati da provvedimenti di rateizzazione o di sospensione;
  • già oggetto di una precedente rottamazione anche se decaduta per il mancato, tardivo, insufficiente versamento di una delle rate del relativo precedente piano di pagamento.

La FAQ n. 3 parla dei debiti che non rientrano nel beneficio della definizione agevolata:

  • i carichi affidati all’Agente della riscossione prima del 1° gennaio 2000 e dopo il 30 giugno 2022;
  • i carichi relativi a somme dovute a titolo di recupero degli aiuti di Stato;
  • i crediti derivanti da pronunce di condanna della Corte dei conti;
  • le multe, ammende e sanzioni pecuniarie dovute a seguito di provvedimenti e sentenze penali di condanna;
  • le “risorse proprie tradizionali” dell’Unione europea e l’Imposta sul valore aggiunto riscossa all’importazione;
  • le somme affidate dagli enti della fiscalità locale o territoriale per la riscossione a mezzo avvisi di pagamento (cosiddetti GIA);
  • i carichi affidati dalle casse ed enti previdenziali di diritto privato che non hanno provveduto, entro il 31 gennaio 2023, all’adozione di uno specifico provvedimento volto a ricomprendere gli stessi carichi nell’ambito applicativo della misura agevolativa.

Nota: anche per le multe stradali sono incluse nella rottamazione, ma il trattamento è diverso da comune a comune.

 

Rottamazione Quater,  Il Nuovo Calendario

Il decreto-legge n. 51/2023 ha introdotto importanti proroghe a favore dei contribuenti che intendono aderire alla definizione agevolata dei debiti.

La presentazione della domanda di adesione alla rottamazione quater è stata prorogata fino al 30 giugno 2023. Prima, il termine era stato fissato al 30 aprile dalla Legge di Bilancio 2023 (Legge n. 197/2022).

Contestualmente, le risposte da parte dell’Agenzia dell’Entrate slittano al 30 settembre 2023, anziché il 30 giugno 2023. Saranno comunicati ai contribuenti i carichi per i quali sarà possibile presentare la domanda di adesione alla rottamazione quater, entro fine settembre, con l’indicazione dell’importo dovuto e l’elenco dei pagamenti, in riferimento al codice fiscale intestatario della richiesta.

Debiti Da Rottamare, Quando Si Pagano

Ricordiamo che esistono due modalità di pagamento dei debiti:

  • in un’unica soluzione;
  • in massimo 18 rate in 5 anni con le prime due, di importo pari al 10% delle somme complessivamente dovute.

Il decreto prevede il posticipo della scadenza per il pagamento della prima o unica rata al 31 ottobre 2023, invece che al 31 luglio 2023.

 

Quindi, il pagamento in un’unica soluzione dovrà avvenire entro il 31 ottobre 2023. Se invece il contribuente opterà per la rateizzazione, il pagamento delle prime due rate, pari al 10% delle somme complessivamente dovute, è stato posticipato rispettivamente al 31 ottobre e al 30 novembre 2023.

Le restanti rate saranno ripartite nei successivi 4 anni e dal 1° novembre 2023 scatteranno gli interessi al tasso del 2% annuo. A decorrere dal 2024, il saldo delle rate è previsto nelle seguenti date di ciascun anno: 28 febbraio; 31 maggio; 31 luglio e 30 novembre.

Sottolineiamo che i benefici derivanti decadranno se il contribuente non pagherà anche solo una rata, entro 5 giorni successivi alla scadenza.

 

Rottamazione Quater, Come Presentare La Domanda

La domanda di definizione agevolata avviene in via telematica sul sito dell’Agenzia dell’Entrate secondo due modalità:

  • accesso alla propria area riservata con le proprie credenziali digitali, ovvero SPID, CIE e CNS;
  • area pubblica attraverso la compilazione di un form e la documentazione di riconoscimento allegata.

Il contribuente può selezionare dall’elenco presente online i debiti definibili, le cartelle, gli avvisi o i carichi che si vogliono inserire nella domanda, senza indicare i dati identificativi degli atti. È possibile, inoltre, fare richiesta del prospetto informativo, contenente l’elenco dei carichi che possono essere rottamati e la simulazione dell’importo da pagare.

Una volta inviata la domanda, l’Agenzia dell’Entrate invierà una comunicazione entro il 30 settembre 2023. Il contribuente dovrà attendere fine settembre per scoprire se la sua domanda è stata accolta oppure rigettata.

menu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram