fbpx

Questo sito utilizza i cookie darti un'esperienza pratica e senza soluzione di continuità. Continuando a navigare in questo sito, concordi con l'utilizzo dei cookie. Scopri di più sui cookie nella pagina informativa.

Costo del denaro: ma quanto costa realmente il denaro?

Costo del denaro

Quanto costa realmente il denaro? Vediamo insieme nel dettaglio il costo effettivo del denaro

 

Soldi, Soldi, Soldi, tanti soldi

Beati siano soldi

I beneamati soldi perché

Chi ha tanti soldi vive come un pascià

E a piedi caldi se ne sta

 

Cantava Betty Curtis nel lontano 1961. Erano anni ruggenti quelli, il boom economico aveva spazzato via le miserie della guerra e il nostro Paese ripartiva veloce in sella a una Vespa.

Tanto diverso da oggi?

La pandemia ha determinato uno shock molto forte che ha lasciato tutto il mondo senza fiato. Per la prima volta tutto si è fermato, le persone si sono chiuse in casa e le conseguenze economiche sono state devastanti.

Ma adesso è il momento di ripartire! Tutti noi sappiamo quanto sia fondamentale per la nostra vita il denaro, lo guadagniamo e lo spendiamo quotidianamente, lo utilizziamo per soddisfare i nostri bisogni primari, ma anche per toglierci qualche capriccio e qualche soddisfazione. 

Una bella vacanza, la macchina nuova, l’ultimo modello di smartphone, ma anche la rata del mutuo sono tutte cose che possiamo pagare e che hanno un costo più o meno elevato. Ma da cosa dipende questo costo e perché si parla di costo del denaro

Le variazioni di prezzo dipendono dal costo del denaro, che a sua volta dipende da una serie di fattori e da misure economiche effettuate al vertice del nostro sistema. Quali siano queste “misure/provvedimenti” lo vediamo insieme nei prossimi paragrafi!

 

 

Costo del denaro: una semplice definizione

 

Per capire cosa intendiamo per costo del denaro è meglio partire da una semplice definizione. 

Il costo del denaro equivale al tasso di interesse che si deve pagare quando si ottiene un prestito da una banca. È calcolato dalla Banca Centrale Europea sulla media dei tassi di interesse.

 

 

Cosa succede quando aumenta o diminuisce il costo del denaro?

 

L’aumento o la diminuzione del costo del denaro influisce sull’Euribor, ovvero il tasso di interesse che viene utilizzato come punto di riferimento per i mutui a tasso variabile e per i titoli indicizzati. 

Le decisioni che vengono prese a livello centrale europeo dalla BCE, vengono poi accolte dalle singole banche che operano a livello nazionale ritoccando e limando i tassi a seconda della congiuntura economica.

L’innalzamento o l’abbassamento del costo del denaro ha delle conseguenze sui mutui, sui conti correnti e sui titoli di stato: vediamo di cosa si tratta nei prossimi tre paragrafi.

 

 

Aumento del costo del denaro: le conseguenze sui mutui

 

Se avete stipulato un mutuo a tasso fisso non avete di cosa preoccuparvi: la rata rimarrà invariata.

Se, invece avete stipulato un mutuo a tasso variabile la rata varia parallelamente alle oscillazioni del tasso che è stato preso come valore di riferimento, che può essere o il tasso della BCE o il tasso Euribor.

Per quanto riguarda i mutui futuri, le rate aumenteranno leggermente ma, per contro, si riduce la differenza tra il tasso fisso e quello variabile.

 

 

Aumento del costo del denaro: le conseguenze sui conti correnti

 

Per quanto riguarda le conseguenze dell’aumento del costo del denaro sui conti correnti, si assiste ad un incremento proporzionale sia dei tassi debitori sia di quelli creditori, ovvero quelli sui depositi. Controllate, quindi, presso la vostra banca se il tasso è stato modificato a vostro vantaggio!

 

 

Aumento del costo del denaro: le conseguenze sui titoli di Stato

 

Anche i titoli di stato a tasso variabile si adeguano all’incremento del costo del denaro. I titoli di stato a tasso fisso (i BTP per intenderci), invece non subiscono variazioni.

 

 

Diminuzione del costo del denaro: gli effetti sull’economia

 

Fino ad adesso abbiamo visto cosa succede quando aumenta il costo del denaro, ma cosa succede quando diminuisce:

  • Gli interessi sui conti corrente e i depositi sia in banca sia in Posta diminuiscono;
  • I fondi monetari si deprezzano;
  • I buoni del tesoro sono offerti dal ministero dell’economia a un prezzo inferiore;
  • Le azioni delle aziende quotate in borsa si rivalutano.

In generale, quindi, possiamo affermare che quando il costo del denaro diminuisce è vantaggioso per chi ha sottoscritto un mutuo a tasso variabile e chi è in possesso di titoli di stato. 

Se vuoi avere altri consigli su come trarre vantaggio dalla diminuzione o dall’aumento del costo del denaro, contatta i nostri esperti, ti sapranno guidare attraverso le scelte più profittevoli per la tua azienda!

Vuoi ricevere la nostra Newsletter con informazioni utili per la tua azienda?

I dati raccolti verranno trattati nel pieno rispetto del Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati n. 2016/679, anche noto come GDPR.
* obbligatori

Obbligatori

Puoi annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail. Per informazioni sulle nostre pratiche sulla privacy, visitare questo sito Web.

Usiamo Mailchimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando sotto per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a Mailchimp per l'elaborazione. Ulteriori informazioni sulle pratiche sulla privacy di Mailchimp qui.

Consulenza di direzione

Indirizzo


Milano, Via Monte Napoleone 8
20121


Lex & Business S.r.l. - P. IVA 09187470969 | Designed by Progetti PMI - Mattia Zanin | Informativa Privacy & Cookies