fbpx

Questo sito utilizza i cookie darti un'esperienza pratica e senza soluzione di continuità. Continuando a navigare in questo sito, concordi con l'utilizzo dei cookie. Scopri di più sui cookie nella pagina informativa.

Chiamaci al 039 894 4373 o scrivici, ti risponderemo subito.

Come si certifica un bilancio step by step

Certificazione Bilancio

Come si certifica un bilancio: tutto ciò che devi sapere 

 

Oggi vediamo come si certifica un bilancio, o meglio come si ottiene la certificazione di bilancio, un documento che attesta la veridicità del bilancio annuale di un’azienda, emesso da una società esterna.

 

Per veridicità del bilancio aziendale intendiamo dire che i registri di bilancio corrispondano al controllo effettuato dalla società certificazione bilanci e che siano stati compilati rispettando le norme vigenti.

 

Perché mai un’agenzia esterna dovrebbe controllare i dati del bilancio di un’impresa? Scopriamolo insieme.

 

 

Certificazione di bilancio: un po’ di storia

 

Prima di capire nel dettaglio come si certifica un bilancio e quali sono le imprese obbligate a rivolgersi ad un’agenzia di revisione contabile, è doveroso dare un’occhiata alla storia della certificazione di bilancio.

 

Questo strumento nasce nel lontano 15° secolo in Gran Bretagna, con lo scopo di fornire delle garanzie ai consumatori sulla condotta delle imprese. La certificazione di bilancio, però, non ebbe la diffusione sperata almeno fino alla Rivoluzione Industriale, quando cominciarono a proliferare un gran numero di aziende e si rese necessario, quindi, attirare investimenti da parte dei risparmiatori.

 

A sua volta, il risparmiatore per investire aveva bisogno di ricevere delle informazioni veritiere sulla situazione finanziaria della società: è così che, nel 1862, venne emanato il British Companies Act per regolare il prototipo delle certificazioni di bilancio. L’idea della Gran Bretagna venne da lì a poco seguita anche dagli Stati Uniti, a seguito della crisi del 1929, e successivamente dalla Germania e altri paesi.

 

E l’Italia? Anche se già dopo la Prima Guerra Mondiale, con la crescita azionaria, si sentiva la necessità di regolarizzare i bilanci aziendali, soltanto 30 anni fa, con l’ingresso nel territorio delle società internazionali di revisione si iniziarono a realizzare delle vere e proprie certificazioni.

 

 

Come si certifica un bilancio oggi

 

Cosa vuol dire certificazione di bilancio e come si certifica un bilancio oggi? La certificazione di un bilancio, come abbiamo anticipato, è un documento che attesta la veridicità del bilancio emesso dall’azienda.

 

Si tratta di un’attestazione che viene rilasciata da un soggetto esterno, ovvero dalla società di revisione, a seguito di una serie di verifiche che rientrano nella cosiddetta revisione di bilancio.

 

Possiamo quindi affermare che la certificazione non è altro che il risultato del processo di revisione, oltre che a un documento vero e proprio.

 

Ma attenzione! Non tutte le imprese sono obbligate per legge ad ottenere questa attestazione di veridicità, anche se è possibile comunque richiedere una revisione volontaria. Vediamo insieme quando la certificazione è obbligatoria.

 

 

Certificazione di bilancio obbligatoria: chi deve farla?

 

La domanda sorge spontanea: quali sono le aziende sottoposte all’obbligo di certificazione di bilancio? In realtà esistono diverse norme che disciplinano questa materia, a partire dalla legge 1936 del 1939 e dal DPR 136/75, passando dal decreto legislativo 58 del 1998 e infine dall’ultimo decreto del 2010.

 

Ma la novità più interessante è quella che riguarda la certificazione di bilancio per le SRL, espressa nell’articolo 2477 del Codice Civile: secondo tale norma, quando viene costituita una società è possibile nominare un revisore contabile o un organo di controllo.

 

La nomina di un revisore è però obbligatoria per le aziende che, per due esercizi consecutivi, superano anche uno soltanto dei seguenti parametri:

 

  • Totale dell’attivo dello stato patrimoniale: 4 milioni di euro;
  • Ricavi di vendite e prestazioni: 4 milioni di euro;
  • Numero dei dipendenti occupati in media durante l’attività: 20 unità.

 

Il revisore è colui che ha il compito di effettuare le verifiche sul bilancio e di preparare la certificazione di bilancio, che attesta la veridicità del bilancio annuale di un’impresa.

 

Nel caso in cui l’azienda non sia sottoposta all’obbligo, può comunque effettuare una certificazione volontaria affidandosi al Collegio sindacale o ad una società certificazione bilanci.

 

Certificazione di bilancio volontaria: tutti i vantaggi di Lex & Business

 

Dopo che abbiamo visto come si certifica un bilancio e quali sono le società obbligate a produrre tale documento, è doveroso chiederci: perché un’azienda dovrebbe richiedere una certificazione volontaria? 

 

I motivi per cui un’impresa dovrebbe procedere alla certificazione di bilancio volontariamente sono tantissimi ma cercheremo di evidenziare i principali vantaggi.

 

Innanzitutto, la revisione di bilancio è un processo di verifica che può diventare uno strumento fondamentale per il processo decisionale e per il controllo di gestione di un’azienda: quando si prendono decisioni importanti, soprattutto se si tratta di una microimpresa in crescita, è necessario affidarsi ad informazioni certe come la certificazione di bilancio.

 

In secondo luogo, le certificazioni bilanci possono essere utili al fine di migliorare l’immagine aziendale: insomma, questo documento diventa una sorta di strumento di marketing, una vetrina che permette agli utenti di acquisire fiducia in quell’impresa.

 

Lex & Business offre un servizio di revisione contabile per i bilanci di piccole e medie imprese creato proprio per quegli imprenditori che desiderano migliorare il controllo di gestione e l’immagine aziendale.

 

Sì perché i bilanci vengono mostrati sia agli investitori sia ai consumatori e una certificazione di bilancio può diventare una vera e propria fonte di visibilità e di prestigio per l’impresa.

Chiamaci al 039 894 4373 o scrivici, ti risponderemo subito.

Vuoi ricevere la nostra Newsletter con informazioni utili per la tua azienda?

I dati raccolti verranno trattati nel pieno rispetto del Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati n. 2016/679, anche noto come GDPR.
* obbligatori

Obbligatori

Puoi annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè di pagina delle nostre e-mail. Per informazioni sulle nostre pratiche sulla privacy, visitare questo sito Web.

Usiamo Mailchimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando sotto per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a Mailchimp per l'elaborazione. Ulteriori informazioni sulle pratiche sulla privacy di Mailchimp qui.

Consulenza di direzione

Indirizzo


Milano, Via Monte Napoleone 8
20121